Arcani Minori, scopri il significato

Chi si avvicina ai Tarocchi rimane subito affascinato dalle immagini potenti e inconsuete degli arcani maggiori, che appaiono così cariche di mistero: le stelle, la ruota, il matto… ma il mazzo dei Tarocchi non si limita a queste carte così colorate e così dense.

In realtà, la maggioranza delle carte dei Tarocchi è costituita dagli arcani minori, le cui figure non sono altro che quelle che siamo abituati a incontrare nei mazzi da briscola!

Sapevi che i mazzi che utilizzi comunemente per giocare in famiglia sono derivati dai Tarocchi e che le raffigurazioni che utilizzi così spesso per determinare i valori delle tue giocate nascondono un significato profondo?

L’interpretazione degli arcani minori è decisamente complessa ed è adatta a cartomanti esperti, che conoscono a menadito i segreti degli arcani maggiori e hanno studiato a fondo la materia delle carte. Infatti, gli arcani minori servono a completare e ad accrescere il significato dei maggiori in modi e termini che non sono immediatamente afferrabili con l’intuito.

Come sono composti?

Gli arcani minori appartengono a quattro famiglie, o semi. Essi corrispondono ai diversi ceti che componevano le società medievali, e i numeri associati a ogni figura corrispondono a una progressione, raccontando lo svolgersi della vita umana (al livello dei non-ancora-iniziati).

I bastoni rappresentano il ceto medio, composto da persone rustiche e semplici. Sono sia mezzi per giocare che armi, ma senza la pericolosità delle spade. Queste ultime rappresentano il ceto dei cavalieri e dei nobili, contraddistinto da una più alta spiritualità ma anche più complesso e duro. Le coppe indicano la classe sacerdotale (essendo strumenti della liturgia cristiana) con tutto il loro carico di sapere e di spiritualità, ma raffigurano allo stesso modo la bella vita, i banchetti sontuosi, il vino, l’amore. I denari appartengono alla classe degli artigiani e rappresentano la prosperità e la ricchezza.

All’interno dei semi esistono scale numeriche che vanno dall’uno al quattordici, in cui i primi dieci numeri raffigurano l’oggetto che dà nome al seme e le ultime quattro carte rappresentano esseri umani. Nella cartomanzia i fanti, i cavalieri, le regine e i re rimandano effettivamente a persone gravitanti nella nostra vita, solitamente persone giovani.

La lettura

La lettura degli arcani minori, come si diceva, è complessa e destinata ai cartomanti esperti e professionisti. Per questo consigliamo di chiedere un consulto a un professionista se si vuole avere una lettura reale e non superficiale della propria situazione.

Questi arcani così apparentemente semplici si collegano secondo una rete fitta e stratificata a quelli che sono i principali arcani maggiori. Ad esempio, un asso contiene il numero uno e può andare a collegarsi al Bagatto, il numero uno degli arcani maggiori. Ma il collegamento può essere anche dato dalla somiglianza. Una regina, ad esempio, si può collegare alla figura iconica dell’Imperatrice, un re può rimandare all’Imperatore e un fante alla carta del Carro.

Se gli arcani maggiori rappresentano il cammino dell’iniziato verso il sapere esoterico, gli arcani minori rappresentano la vita di tutti noi, con i problemi e le opportunità del quotidiano: per questo non possono mai essere ignorati, influendo in modo così diretto su noi e chi amiamo.

Per un consulto professionale ti invitiamo a visitare la nostra home page